Sezioni Speciali
Biblioteca Storica

  • Introduzione
  • Diritti, informazioni e riproduzioni
  • Ringraziamenti


  • Introduzione all’utilizzo della biblioteca digitale del Fondo Beniamino Dal Fabbro


    Il Fondo Beniamino Dal Fabbro è costituito da circa 10000 documenti di natura varia: libri, articoli, nastri incisi, fotografie, edizioni musicali, periodici, lettere, appunti e manoscritti vari, disegni e dipinti, oggetti e documenti personali. Si tratta di una cosiddetta “biblioteca d’Autore” che conserva al suo interno sia documenti facilmente classificabili nella tipologia “bibliotecaria”, catalogabili con gli standards internazionali ISBD e successivamente consultabili tramite un catalogo in linea OPAC, che documenti di natura più archivistica e museale, per i quali gli stessi standards e l’OPAC non possono sempre essere utilizzati.
    A questa prima considerazione si aggiunge il fatto che, al momento della consegna nel 2004, il Fondo aveva un preciso ordinamento dovuto alla meticolosa conservazione che ne aveva fatto la signora Gigliola Beratto, la quale aveva raccolto tutto in modo da rispettare, quanto più fedelmente possibile, l’ordine con il quale li aveva disposti Beniamino Dal Fabbro nel suo appartamento, e come lei stessa li trovò dopo la morte dell’artista. Lo scrittore infatti, per esigenze di lavoro, aveva distribuito in diverse cartelline sia le sue opere (presenti dal manoscritto alla bozza di stampa, dalle recensioni ai contratti editoriali) che tutti i materiali d’uso, ben distinti per argomento. Aveva ordinato in raccoglitori, in ordine alfabetico per autore/soggetto, gran parte dei numerosissimi articoli che aveva prodotto nella lunga carriera giornalistica. Oltre a numerosi appunti, agende, oggetti di lavoro, di casa e d’uso personale. In pratica il Fondo rappresenta il vero studio del letterato che, giornalista per mestiere, ha la necessità di trovare per materia e per argomento quanto cerca e deve utilizzare per il suo lavoro.
    L’interesse verso questa disposizione originaria disposizione ha indotto a fare una scelta che progettasse un ambiente di digitalizzazione del fondo, che fosse comprensivo di tutti i documenti contenuti di qualsiasi natura, nel rispetto dell’impiego che ne faceva Dal Fabbro. Così era anche possibile, superata la differente possibile catalogazione dei materiali in ambito bibliotecario, archivistico o museale, dare una visione d’insieme al Fondo.
    Si è pensato quindi a permettere la fruizione virtuale del fondo, attraverso la biblioteca digitale. Quest’ultima è stata realizzata grazie a una serie di campagne fotografiche, interamente finanziate dalla Regione del Veneto, curate dalla Biblioteca civica e realizzate dalla ditta Digital Codex di Paolo Mauro, della durata di cinque anni, nelle quali sono stati prodotti oltre 50.000 files di immagini. Si è sempre rispettato l’ordine originario, accorpando solo alcuni materiali, non classificati o a sé stanti, ma facilmente riconducibili ad altre materie o cartelline specifiche.
    In pratica chi intende, per motivi di studio, ricercare documenti del Fondo, trova un indice con una serie di argomenti che riflettono al loro interno l’originaria disposizione delle cartelline e dei faldoni lasciati da Dal Fabbro. La consultazione simula quella realmente possibile nella sala che è stata riservata alla conservazione del Fondo. Per ogni argomento, il ricercatore che apre una cartella e visualizza i files contenuti è come se aprisse le cartelline originali, il cui ordine fisico è rimasto immutato.
    Questo permette da un lato allo studioso di accedere in simultanea a più parti del fondo dell’argomento ricercato, di scorrere avanti e indietro tutte le pagine dei materiali di ogni cartellina, di aprirle per ingrandirne la visione per la lettura o stampare ogni documento visualizzato; da un altro permette di escludere dalla consultazione diretta i documenti, garantendo una loro migliore conservazione, limitandone danneggiamenti e furti.
    Nell’escludere dalla biblioteca digitale alcuni documenti di carattere strettamente privato, si è tenuto conto della volontà espressa dalla signora Beratto.
    La mancata associazione dei metadati alle immagini è dovuta alla mancanza di risorse umane e finanziarie e all’impegnativo impiego dei MAG Metadati Amministrativi e Gestionali previsti dagli standards dell’ICCU Istituto Centrale per il Catalogo Unico.
    Il software utilizzato è Greenstone, un open source certificato dall’Unesco per la costruzione di repository digitali ad uso pubblico, realizzato dalla New Zealand Digital Library Project all’Università di Waikato. Per ogni ulteriore info rivolgersi alla Biblioteca civica di Belluno

    Buona consultazione!

    Giovanni Grazioli


    Diritti, informazioni e riproduzioni


    © Comune di Belluno - Biblioteca civica – tutti i diritti sugli oggetti digitali contenuti in questo sito sono riservati

    In caso di pubblicazione, in qualsiasi formato, tutte le riproduzioni sono riservate; chi ne è interessato deve in precedenza farne richiesta scritta ed essere ugualmente autorizzato per iscritto da:

    Biblioteca civica via Ripa 3 – 32100 BELLUNO
    Tel. 043725727 – 0437948093
    biblioteca@comune.belluno.it
    http://biblioteca.comune.belluno.it

    La riproduzione autorizzata obbliga inoltre il soggetto che ne ha fatto domanda, a consegnare doppia copia dell’opera (libri, opuscolo, articolo ecc…) nel formato cartaceo o digitale nel quale è stato edito, alla Biblioteca civica di Belluno.


    Ringraziamenti


    Si ringraziano per la realizzazione della prima collezione digitale della Biblioteca civica e del Comune di Belluno:

    Digital Codex di Paolo Mauro

    Mauro Barattin e William Mann del Centro elaborazione dati del Comune di Belluno

    Giovanni Grazioli della Biblioteca civica di Belluno

    New Zealand Digital Project dell’Università di Waikato